Il di cui del barista

Sarà sicuramente capitato di andare al bar con degli amici e chiedere più di un caffè di diverso tipo. In questi casi è di fondamentale importanza il corretto uso del “di cui” del barista. Se, volendo tre caffè, si chiedono al barista “tre caffè, uno macchiato, uno ristretto”, è quasi certo che nella sua mente si disegneranno cinque tazzine, che senza il nostro intervento si materializzeranno sul bancone con nostro enorme stupore. Per evitare lo spiacevole disguido è necessario utilizzare con severa diligenza il “di cui” del barista, pronunciando “tre caffè, di cui uno macchiato e uno ristretto”. A prima vista la cosa può sembrare banale e di scarso significato, tuttavia ad una attenta riflessione è rivelatrice della rigorosa struttura linguistica del barista che applica basilari nozioni di insiemistica. In effetti, la richiesta “tre caffè, uno macchiato, uno ristretto” con la sua asettica elencazione non può che corrispondere a cinque caffè, mentre la formulazione “tre caffè, di cui uno macchiato e uno ristretto”, anteponendo l’intero ai sui attributi è chiaramente indicatrice di tre caffè, sia pure distinti in tipologie differenti. Secondo la corretta enunciazione l’intero non è revocato in dubbio dai suoi accidenti.
Sono convinto che un periodo di apprendistato presso un barista qualsiasi potrebbe far molto bene al discorso sui diritti civili e sui cosiddetti temi “eticamente sensibili”.

PS – Ho scritto queste righe qualche anno fa, nel 2005 se non ricordo male, nonostante sia passato un po’ di tempo penso che il consiglio di apprendistato presso un barista conservi ancora la sua validità per chiunque si accinga a discutere del tema dei diritti nell’eterogenea comunità umana.

Annunci

Autore: Antonio

Potevo nascere ovunque ma solo nel mio Salento potevo venire al mondo, da generazioni di contadini che hanno lasciato le loro impronte tra gli alberi di ulivo.

4 thoughts on “Il di cui del barista”

  1. A prescindere dal fatto che in effetti il “di cui” vale senz'altro come metafore per ben più rilevanti contesti, io, nell'incertezza di essere capito opto per una significativa pausa con ripetizione: “tre caffè – PAUSA – uno normale, uno macchiato, uno ristretto”. Di solito funziona!

  2. grazie Adele, anche il tuo post mi piace molto. Se ti piace il caffè però devi cercare le “increspature nel nulla” nel mio blog 😉
    Grazie soprattutto per aver lasciato un commento nonostante il mio post fosse di qualche tempo fa…mal sopporto che le cose scritte in rete siano soggette ad una troppo rapida scadenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...