Allegro con moderazione

Originale (*)
– Poi si sciuta allu tottore?
– Sine soru mia.
– E ci t’aje tittu?
– Ahi, lassame stare. Tegnu u core, tegnu i bronchi e osci m’aje cchiatu puru u fecatu.
– E mò, ci bò faci, comu na manna na tinimu. Tocca ne rassignamu.

Traduzione letterale (**)
– Sei poi andata dal dottore?
– Sì, sorella mia.
– Cosa ti ha detto?
– Ah, lasciami stare. Ho il cuore, ho i bronchi e oggi mi ha trovato persino il fegato.
– Cosa ci vuoi fare, come la manda la prendiamo. Bisogna rassegnarsi.

Traduzione semantica (**)
– Sei stata dal medico?
– Sì amica mia.
– Come è andata?
– Non me ne parlare. Ho problemi cardiaci, difficoltà respiratorie ed oggi mi ha detto che ho anche problemi al fegato.
– Cosa ci puoi fare, siamo sotto il cielo. Bisogna avere pazienza.

Traduzione comunicativa (**)
– Ricordo che dovevi andare dal medico, ci sei stata?
– Sì, ma sarebbe stato meglio non andarci.
– Perché, cosa ti ha detto?
– Ogni volta che ci vado c’è una novità. Prima ho scoperto che c’è il cuore che non va, poi i bronchi ed oggi mi ha detto che non va bene neanche il fegato. Io neanche sapevo di avere tanti pezzi, pensavo di essere tutta intera.
– Non possiamo farci nulla, l’età è quella che è, gli acciacchi aumentano. Bisogna avere pazienza e rassegnarsi.

* Per l’ortografia del dialetto salentino (melissanese nello specifico) ho fatto ricorso, oltre alla mia più che quarantennale esperienza, al mio amato Gerhard Rohlfs, Vocabolario di dialetti salentini (Terra d’Otranto). Congedo Editore, 1976.
** Per la definizione delle traduzioni ho seguito la classificazione di Newmark, non priva di una certa licenza.

Tradimento e tradizione, entrambe dal latino tradere, consegnare, trasmettere. Traduzione dal latino traducere, condurre da un luogo all’altro.
Tradimento, tradizione e traduzione, tre parole con la stessa radice: trans, oltre, al di là. Un oltre che non è statico ma che implica l’idea del movimento, del passaggio, del percorso attraverso linee di confine.
Nessun limes può essere attraversato impunemente, ogni confine chiede il suo pedaggio, ognuno nasconde le sue insidie. Non tutti possono essere attraversati, qualche confine resta inespugnabile.

Senza il tradimento della parola la traduzione non può entrare nei meandri della tradizione. Traduzione della lettera, tra(du)zione del significato dal pozzo della tradizione attraverso il tradimento della lettera.
Cosa sono i commentari della Torah, se non il continuo tradimento della lettera, della parola, per attingere alla tradizione? Scoprire la tradizione dai suoi veli, svelarla al tempo presente e consegnarne i tesori più intimi, i significati, al tempo che verrà. La verità (alétheia per i greci) è svelamento di significati per edificare nuovi mondi, è velo dell’oblio che cade e lascia nudo il corpo. Figli della violenza dello svelamento, i significati creano il futuro che altrimenti resterebbe eterno presente.
Il futuro è il contenitore vuoto che si riempie di passato che filtra per la via del presente e non c’è alcuna certezza che il contenitore non sia rovesciato. Il futuro trae sé stesso dal passato, come il Barone di Münchhausen che viene fuori dal pantano in cui cade tirandosi da sé per il codino.

M. C. Escher, Anello di Möbius II, 1963

Ed il futuro diviene passato per portarsi verso un altro futuro, nastro in continuo movimento intorno allo stesso asse, da sempre.

***

Senza il tradimento della propria terra non si sentirebbe quanto profuma quando è appena arata.

***

Parole e silenzi,
impasto di saliva in bocca,
da stendere piano
sulle intemperanze della vita.
Muro di storie
erigo sull’orlo dell’abisso,
argine che non tiene,
e nelle mani i solchi
a memoria di crolli a venire.

Annunci

Autore: Antonio

Potevo nascere ovunque ma solo nel mio Salento potevo venire al mondo, da generazioni di contadini che hanno lasciato le loro impronte tra gli alberi di ulivo.

4 thoughts on “Allegro con moderazione”

  1. Da tanto non leggevo qualcosa di così interessante.
    Sarà che sono appassionata dell' etimologia delle parole, ma quel passaggio su Tradimento, Traduzione, Tradizione, mi sembra un dono.

    “Senza il tradimento della parola la traduzione non può entrare nei meandri della tradizione”

    Splendido, grazie Antonio!
    Lara

  2. che dire antonio? sei riuscito, ancora una volta, a spalancare una finestra, non vista, regalandomi un nuovo punto di vista.

  3. Bellissimo quello che dici e a cui avevo pensato solo in maniera superficiale e anche confusa. Ci sono poi parole, più di altre, la cui traduzione è un tradimento massimo, quasi un travisamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...