Abuso di metafisica

L’altro ieri ho letto una poesia di Álvaro de Campos, uno degli eteronimi di Fernando Pessoa. La poesia è Tabaccheria. Mentre passeggiavo su una spiaggia di sabbia d’oro scorgo questo diamante. Era lì, tra parentesi, un inciso quasi secondario.

(Mangia cioccolata, bambina;
mangia cioccolata!
Bada che non c’è altra metafisica al mondo se non la cioccolata.
Bada che le religioni tutte non insegnano più della confetteria.
Mangia, bambina sporca, mangia!
Potessi io mangiare cioccolata con la stessa verità con cui la mangi tu!
Ma io penso e, quando tolgo la carta d’argento, che è carta stagnola,
butto tutto per terra, come ho buttato la vita.)

Da Tabaccheria di Álvaro de Campos. In Fernando Pessoa, Un’affollata solitudine. Poesie eteronime. A cura di Piero Ceccucci. Traduzione di Piero Ceccucci e Orietta Abbati. BUR rizzoli, 2012.

***

Questa poesia casca a pennello in questi giorni, perché per un motivo o per l’altro sto facendo un uso smodato di metafisica e come dice il poeta poche righe più in là “la metafisica è una conseguenza dell’essere indisposti.”

In rete ho trovato una versione integrale della poesia tradotta da Antonio Tabucchi.

Annunci

Autore: Antonio

Potevo nascere ovunque ma solo nel mio Salento potevo venire al mondo, da generazioni di contadini che hanno lasciato le loro impronte tra gli alberi di ulivo.

One thought on “Abuso di metafisica”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...