Rom

Camminano in fila
ai bordi di strade rombanti
e case sbarrate, argini al futuro,
temibile più del passato.

Camminano in fila
dietro carrelli della spesa
rubati ai supermercati,
colmi di rifiuti accuratamente selezionati.

Camminano in fila
carovana di formiche cariche di foglie
da portare in riva al fiume
che bagna la città deserta all’ora di pranzo.

Intanto tutto scorre
intorno a una chiesa diruta,
angolo di tempo fermo da sette secoli,
in attesa che la città si stanchi.

Annunci

Autore: Antonio

Potevo nascere ovunque ma solo nel mio Salento potevo venire al mondo, da generazioni di contadini che hanno lasciato le loro impronte tra gli alberi di ulivo.

5 thoughts on “Rom”

  1. Esseri umani perseguitati, sovente odiati, senza renderci conto che su questa Terra siamo tutti Rom, tutti di passaggio, e chi cammina ai bordi della strada fa lo stesso itinerario di chi la percorre “rombante” di benessere.
    Bella poesia, nella sua dolce crudezza.
    Ciao.

  2. Mi ha fatto riflettere il commento di Gattonero, credo anch’io che i rom siamo noi senza rendercene conto, sono tutto ciò che non vogliamo essere, chiusi nel guscio del nostro benessere, fra le confortanti braccia di una tecnologia che ci offre una vita senza sbalzi, seppure artificiale, che ci sta quasi completamente de-istintualizzando e ci sta togliendo ogni spontaneità e ogni libertà.
    Così oscilliamo nel vederli o come dei pezzenti non integrati (né integrabili) che vivono di scorie ai margini della nostra società, come se fossero parassiti e il vederli idealmente come le uniche persone libere rimaste in un ambiente in cui tutto è omologato e superficiale, persino la trasgressione e la libertà è solo condizionata.
    Ciao

  3. I rom vivono nelle periferie, noi viviamo alla periferia di noi stessi, non siamo più in grado di vedere spiragli di libertà in quello che ancora ci ostiniamo a chiamare contratto sociale, un contratto che abbiamo deprivato del suo collante di diritti e che abbiamo riempito di “valori” economici. Il lavoro, gli impegni, il conto in banca, le bollette sono diventate catene intorno al collo e chi si sottrae a questa forma degenerata di contratto è odiato per i due motivi che dice Garbo. Sì gattonero, siamo tutti rom, c'è chi rovista nei cassonetti e chi nei supermercati, entrambi alla ricerca di rifiuti accuratamente selezionati e, come ho detto nell'ultimo post, I fell so tired.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...