Una vita nascosta

Morire – questo a un gatto non si fa,
scrisse la poetessa.
No, a un gatto non si fa,
e poi morire non è così importante
per chi gioca con nove vite
inseguendo palline di carta.
Una è nascosta sotto la credenza.
Cosa non si trova in una casa
quando si spostano i mobili?
– Se solo l’avessi trovata prima –
penso, sorridendo appena un po’.

Annunci

Autore: Antonio

Potevo nascere ovunque ma solo nel mio Salento potevo venire al mondo, da generazioni di contadini che hanno lasciato le loro impronte tra gli alberi di ulivo.

4 thoughts on “Una vita nascosta”

  1. “Qualcosa qui non accade
    come dovrebbe
    […]
    In ogni armadio si è guardato.
    Sui ripiani si è corso.
    Sotto il tappetto si è controllato.
    Si è perfino infranto il divieto
    di sparpagliare le carte.
    Che altro si può fare.
    Aspettare e dormire.
    […]
    E all'inizio niente salti né squittii”

    Ciao Antonio, sono convinta che questo a un gatto non si fa
    Buona giornata
    Nou

  2. Cara Nou, ho usato quel verso della poesia di Szymborska in maniera del tutto personale e rovesciata rispetto all'originale. Qui a ritrovarsi in un appartamento vuoto non è il gatto. Che la grande poetessa non me ne voglia ma volevo salutare una gattina che ha lasciato in giro per casa le vite con cui giocava continuamente. Un saluto e buona giornata a te.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...